Love for Nature

www.ollylove.it

LEZIONE XVIII
IL DIGIUNO (PARTE 1)

PARTE TERZA:
IL DIGIUNO E LE CRITICHE ALLA DIETA CIVILIZZATA

Il digiuno è la prima medicina in natura contro qualunque malattia.

Da quello che hai imparato finora, puoi dedurre benissimo perché al giorno d'oggi il digiuno sia considerato pericoloso e malsano. DIGIUNARE significa non introdurre alcun cibo solido, e i medici sono convinti che in questo modo il corpo si auto-consumi. Lo dice la medicina e la gente di massa la ascolta ed è d'accordo. In realtà i medici e gli scienziati non sanno che il digiuno è una forma di auto-medicazione, la più diffusa in Natura. Gli animali non hanno medicine a cui affidarsi quando si sentono male; per questo la Natura ha provveduto ad un rimedio estremamente efficace: NON MANGIARE.
Però, oggi, se dici a qualcuno che non hai pranzato o sei andato a letto senza cena, egli ti guarda male e ti dice che a fare così morirai di fame. Ma no, non è vero: se sei malato e digiuni guarisci presto e senza soffrire.
Ma il digiuno non deve essere casuale: non devi digiunare per un tempo arbitrario, ma devi condurlo razionalmente. Se digiuni troppo a lungo (e senza sapere cosa avviene nel tuo corpo quando non riceve il minimo cibo solido) rischi veramente di morire, come accade alle persone anoressiche. Nessuno (o quasi) sa spiegare il motivo del perché succede ciò e si pensa che sia perché il corpo “mangia” se stesso. Ecco qui svelato il mistero:
se hai condotto per molto tempo, molti decenni una dieta qualsiasi, ma che non sia quella senza muco, hai il corpo intasato di rifiuti, come ormai avrai capito; se tronchi bruscamente la tua abitudine alimentare con un prolungato digiuno il tuo organismo comincia a sciogliere il muco, il quale, insieme a tossine, farmaci, acidi e altri veleni, s'immette nel sangue. All'inizio, i primissimi giorni, ti senti bene, meglio di quando mangiavi, perché hai digerito il muco che avevi accumulato nello stomaco e nell'intestino; ma a lungo andare per prima cosa avverti un forte desiderio per il cibo e ti senti infelice (rammenta che ti è stato insegnato che nel momento in cui il muco entra in circolazione le sostanze presenti ora nelle cellule ti fanno crescere la voglia di cibi innaturali), e darai la colpa alla mancanza di cibo; per seconda cosa, e questa fondamentale e grave, i rifiuti si accumulano in alcune zone del tuo corpo, specialmente nei capillari, così sottili che basta poco per ostruirli. Ed ecco che qui può succedere qualcosa di veramente pericoloso: il sangue è impuro, si coagula, ostruisce le arterie e non circola più come prima. Risultato: il tuo corpo rischia di “soffocare” dai tuoi stessi rifiuti, le tue stesse tossine, il tuo stesso dannoso e inutile muco.

Per questo un digiuno deve essere condotto in maniera razionale: devi sapere dapprima QUANTO sei intasato dentro (con un digiuno breve), purificarti almeno in parte con la dieta di transizione e POI, se te la senti, potrai intraprendere un vero e lungo digiuno senza rischi e senza danni al tuo organismo.
Magari non sei così tanto ostruito come descritto sopra; in questo caso un digiuno prolungato non sarà così rischioso da farti morire. Certo, all'inizio è normale che sentirai nostalgia del cibo, e forse ti sentirai anche debole, poiché il tuo corpo ora sta sfruttando le forze per liberarsi dal muco; ma se resisti e non cedi a nessuna tentazione, vedrai che dopo ti sentirai così bene, che potrai persino camminare chilometri e chilometri senza stancarti. Ovviamente questo è possibile, lo ripeto, se non sei tanto “sporco”, vuoi perché durante la vita hai seguito un'alimentazione povera di muco, vuoi perché hai cominciato la dieta di transizione, vuoi perché sei giunto allo stato di salute superiore e sei diventato un vero e puro ehretista, proprio come lo era, ad esempio, Steve Jobs. Ebbene sì, anche lui ha seguito la dieta senza muco, fino a raggiungere il punto da riuscir a mangiare anche solo frutta. Ma la sua fama lo ha condotto ad accettare inviti a banchetti e cene di classe, e non potendo rifiutare ciò che gli veniva offerto, ha dovuto fare nuovamente i conti con l'alimentazione di massa, e sappiamo tutti come è andata a finire. Queste le stesse parole di Steve Jobs:

"A quel tempo in realtà ero un fruttariano. Mangiavo solo frutta. Ora sono un bidone della spazzatura come tutti gli altri. E siamo stati circa tre mesi in ritardo per depositare un nome di business di fantasia così ho minacciato di chiamare la società Apple Computer a meno che qualcuno non avesse suggerito un nome più interessante entro le cinque di quel giorno. Sperando di stimolare la creatività. E niente si è mosso. L'interesse mi è nato leggendo le opere di Arnold Ehret. Ed è per questo che ci chiamiamo Apple."

In questa lezione hai appreso che:
  • quando si è malati, la prima cosa che la Natura ordina di fare è DIGIUNARE;
  • se si inizia bruscamente un digiuno con un corpo assai ostruito, si rischia di soffocare il proprio organismo nel proprio muco, rischiando persino la morte; purificando il corpo con la dieta senza muco, un digiuno può essere condotto anche per moltissimi giorni senza rischi;
  • una volta superata la fase in cui il corpo, durante il digiuno, scioglie gran parte di muco e lo espelle, ci si sente meglio di prima, più in forma e più forti.