Love for Nature

www.ollylove.it

LEZIONE XV
LA DIETA DI TRANSIZIONE

PARTE SECONDA:
LA DIETA DI TRANSIZIONE E ALCUNE RICETTE

Tutta la frutta e la verdura che vorrai consumare deve essere DI STAGIONE: ricorda che gli animali consumano quello che trovano in natura e allo stesso modo dovresti fare tu.

RICORDA: non basta solo sapere quali cibi curativi mangiare; devi anche combinarli in maniera adeguata e, se ne senti la necessità o se sei particolarmente malato, devi alternare la dieta con digiuni più o meno lunghi; ma devi SEMPRE essere tu a controllare la tua alimentazione, come ti senti di fare tu stesso. Se oggi non te la senti di mangiare, ma di digiunare, fallo tranquillamente, ma non esagerare: se il tuo corpo richiede cibo solido, tu accontentalo, interrompi pure il digiuno e introduci della frutta o dei vegetali. Non devi essere troppo restrittivo con il tuo corpo: l'esagerata e forzata sofferenza, o meglio astinenza da cibo solido non è un bene, ma una fatica in più e per la tua mente e per il tuo corpo.

È sbagliato pensare che una malattia latente possa essere curata semplicemente con un digiuno molto lungo o con un repentino cambio di alimentazione di sola frutta. La giusta maniera di curare una QUALSIASI malattia fin dal principio è un'attenta DIETA DI TRANSIZIONE, appositamente selezionata e gradualmente modificata, per condurre da un'alimentazione scorretta, ad una povera di muco (dove ancora si consumano cibi muco-formanti, anche se in piccola parte), alla finale dieta senza muco.

MATTINO:

La colazione è una delle abitudini più malsane: non si dovrebbe mai assumere cibo solido al mattino, se si vogliono ottenere i migliori risultati. Il motivo è semplice: durante la notte il corpo ha occasione di sciogliere il muco, il quale finisce in gran quantità nello stomaco. Quando ti alzi, nel tuo stomaco è ancora presente quel muco: se ci mangi dietro qualcosa di solido, lo smuovi e lo metti in circolazione con quello che hai buttato giù, sentendoti talvolta un po' male (nausea). Se invece aspetti qualche ora, giusto l'ora di pranzo, il muco ha avuto tempo di essere digerito e immesso in circolazione, e verrà successivamente eliminato con i pasti della dieta durante il giorno.
Pensa che alcune leggere malattie possono essere curate semplicemente con il piano senza colazione.

GIORNATA:

È MEGLIO NON FARE PIÙ DI DUE PASTI AL GIORNO, abbondanti quanto vuoi, ma non più di due: pranzo e cena.

  • PRANZO: se possibile, fra le 10 e le 11;
  • CENA: almeno dopo le 18.

Meglio non mischiare troppi elementi assieme: meglio non più di tre tipi di verdura insieme (sotto ispirazione alla natura, dove gli animali si cibano di un tipo solo di erba o di altro cibo).

BEVANDE:

NON BERE DURANTE I PASTI, altrimenti rallenterai la digestione. RICORDA: più liquido si assume durante un pasto, più la digestione si fa lenta. Attendi almeno 30 minuti dopo aver mangiato, così sei sicuro di aver per lo meno iniziato a smaltire il pasto.

I MENU:

Mangia sempre prima la frutta e dopo qualche minuto la verdura; questo perché lo zucchero d'uva della frutta va a legarsi al muco e lo scioglie, la verdura provvede poi a spazzarlo via.

MENU PER LE PRIME DUE SETTIMANE

PRANZO:

Insalata Mista Standard di Ehret:

  • carote o cavoli crudi grattugiati;
  • piselli, fagiolini verdi o spinaci ben cotti;
  • un ortaggio a foglia verde di stagione: cetrioli, pomodori, lattuga, sedano, ...

Lo scopo di questa insalata è di ripulire a fondo l'intestino, utilizzando verdure cotte e crude, ma non amidacee.

Condisci pure con dell'olio, ma usa succo di limone al posto dell'aceto.
Se ti va, mangia anche una verdura cotta (cavolfiore, rapa, zucchina, ...)
Se hai ancora fame, mangia una patata al forno o una fetta di pane integrale tostato. Siccome i grassi sono innaturali e non dovrebbero essere consumati, se desideri spalmare qualcosa sul pane, usa il burro di arachidi o altra crema di noci.
Se volessi bere qualche bevanda calda, anche al mattino, puoi conservare l'acqua in cui cuoci (lessi) le verdure: questo “brodo vegetale” è un potente “spazzino” di muco, poiché è ricco delle proprietà delle verdure, più delle verdure cotte stesse.

CENA:

Mischia un frutto cotto (mela, albicocca, pesca, quello che vuoi, purché di stagione) con del “cottage cheese” (formaggio fresco molle), o con delle banane mature schiacciate. Il cottage cheese è indicato se hai lo stomaco particolarmente mucoso, mentre le banane se hai lo stomaco con poca acidità.

Se vuoi addolcire i tuoi pasti o le tue bevande, non farlo con lo zucchero bianco (è troppo lavorato per essere sano); usa piuttosto lo zucchero grezzo di canna o ancora meglio il miele.

MENU PER LE SECONDE DUE SETTIMANE

PRANZO:

Una mela cotta e, dopo circa un quarto d'ora, l'Insalata Mista di Ehret.
Per evitare di condire l'insalata, lascia che questa si impregni con le verdure cotte per circa 10 minuti.

CENA:

Un frutto cotto e, sempre dopo circa un quarto d'ora, insalata di lattuga e cetrioli, oppure sedano o cavolo crudi a fette.

MENU PER LE TERZE DUE SETTIMANE

PRANZO:

D'ESTATE: frutta fresca di un solo tipo;
D'INVERNO: frutta essiccata dolce (prugne, fichi, uva passa, …) mangiata con mele o arance, oppure seguita da frutta fresca.
Se non ti basta, attendi un quarto d'ora e mangia una verdura cotta o cruda, ma in piccola quantità.

CENA:

Insalata Mista di Ehret seguita da un vegetale cotto.

MENU PER LE QUARTE DUE SETTIMANE

PRANZO:

Frutta (come nel menu precedente).

CENA:

Frutta, cruda o cotta, seguita da un'insalata di verdure cotte.

Se vedi che stai perdendo peso troppo velocemente, mangia del pane tostato o delle patate dopo la verdura.
Se all'inizio dovessi sentire il forte desiderio di mangiare carne, non cedere alla tentazione; quel giorno, piuttosto, mangia solo delle verdure, ma NESSUN FRUTTO.
Alcuni cibi risultano essere più lassativi di altri in alcune condizioni; perciò mangia quei cibi che hai scoperto essere migliori “pulitori” per il tuo corpo.

UN MISTERO DISSOLTO:

Chi intraprende questa dieta senza la giusta preparazione e senza l'insegnamento che hai appreso tu finora, non appena ha una crisi, perde la fiducia nella dieta di frutta e verdura, ignorando che in realtà nella sua circolazione sanguigna si stanno disperdendo notevoli quantità di muco, rifiuti e tossine, causando lievi disturbi, e nello stesso tempo prova fortissimi desideri per cibi sbagliati. Questo accade perché lo zucchero d'uva (fruttosio) scioglie il muco; le sostanze disciolte, che sono residui di cibo innaturale, tra cui anche la carne, se ne mangiava, entrano in circolazione e alimentano le sue cellule, facendogli venire la voglia di mangiare quello che ha disciolto. Né i dottori, né i naturopati, né i dietologi sono mai riusciti a capire come mai succedesse questo durante una dieta di transizione simile; si può dire che si tratta di un mistero ora svelato.

In questa lezione hai appreso che:
  • la velocità dell'eliminazione del muco dipende dalla quantità e dalla qualità degli alimenti e può quindi essere controllata e regolata a seconda dello stato del paziente;
  • la dieta di transizione deve condurti dalla comune dieta di massa a quella curativa senza muco, e può causare dolore e disturbi; con un po' di pazienza ti passerà tutto e ti sentirai meglio di prima (quando consumavi l'alimentazione di massa);
  • al mattino non si dovrebbe fare colazione perché lo stomaco non è pronto, è pieno di muco che non deve essere smosso, ma smaltito in poche ore col digiuno;
  • più bevi durante i pasti e più rallenti la digestione;
  • la frutta contiene il fruttosio che scioglie il muco; la verdura provvede a spazzarlo via dal tuo corpo;
  • durante la dieta di transizione, il muco viene smaltito e le sostanze che entrano in circolazione ti fanno aumentare il desiderio per alcuni cibi muco-formanti: non cascarci, ma aumenta la quantità di verdura che consumi ai pasti.