Love for Nature

www.ollylove.it

LEZIONE II
MALATTIE LATENTI, ACUTE, CRONICHE, NON PIÙ UN MISTERO

Il muco descritto nella lezione precedente non è l'unico responsabile della costipazione del corpo umano: in aggiunta vi sono i farmaci, assunti, nei più comuni casi, fin dall'infanzia e MAI eliminati come i prodotti di rifiuto del cibo, ma immagazzinati nei tessuti per decenni. Se segui la dieta senza muco, questo viene dissolto assieme ai farmaci e raggiunge i reni per poi essere espulso; è più che probabile, a questo punto, che ti sentirai male, avrai la tachicardia o altri sintomi strani. Un normale medico non solo darà la colpa alla mancanza di cibo, ma ti prescriverà dei farmaci contro la tua presunta malattia, aggravando ancora di più la tua situazione.

Lo stato di permanente accumulo di tossine e muco è denominata MALATTIA LATENTE.
Non appena il muco viene disciolto ed è messo in circolo nel corpo, produce malessere, che viene chiamato diversamente a seconda di quale organo viene colpito. In realtà questo malessere è dovuto al muco che è presente in quantità maggiore in certi punti del corpo, piuttosto che in altri: questo è uno sforzo della Natura (la natura del corpo) nell'eliminare tossine e rifiuti, e viene chiamato MALATTIA ACUTA.
I medici non comprendono l'origine dei malesseri dei pazienti e quindi cercano di curarli tramite sostanze chimiche e l'aumento del consumo di cibo innaturale; in questo modo la Natura è ostacolata e impiega un tempo mille volte superiore a curare il corpo: questo caso di malattia lenta a guarire viene chiamato CRONICO.

In questa lezione hai appreso che:
  • la medicina non conosce appieno il corpo umano e non sa quale sia l'origine delle malattie;
  • la medicina ci informa sul NOME della malattia da cui siamo affetti, ma non ce ne espone la causa; ne segue che produce sostanze chimiche in quantità sufficiente a coprire i sintomi della malattia, ma che non sono in grado di curarla; una volta esaurito l'effetto della medicina, la malattia si manifesta nuovamente, talvolta con gli stessi sintomi, talvolta con dolori in altri punti del corpo;
  • i farmaci, presi fin dalla prima volta nella vita, non sono mai eliminati, ma immagazzinati nel corpo.